De Nittis, Boldini e Zandomeneghi nella Parigi della Belle Époque

In corso fino al 21 febbraio 2016 presso GAM Manzoni di Milano, la mostra dedicata alla Belle Époque raccoglie una selezione di 35 opere di artisti italiani attivi in Francia tra Ottocento e Novecento, anche mai esposte in precedenza, come Dans le blé di De Nittis, provenienti da alcune collezioni private.

06 – Giuseppe De Nittis

Dans le blé

Giovanni Boldini, Giuseppe De Nittis e Federico Zandomeneghi, originari di diverse zone e con diversi percorsi artistici, si trovarono a lavorare nel centro artistico fin de siècle, la Parigi del Salon des Refusés.

Apprezzati dalla società parigina e dal celebre mercante d’arte Paul Durand Ruel, sostenitore degli Impressionisti, i tre artisti italiani ritrassero, con i loro diversi stili, istanti, luoghi e personaggi, cogliendo e catturando la frizzante atmosfera dell’epoca, il mondo sfavillante e mondano ma anche la quotidianità delle passeggiate nel verde del Bois du Boulogne.

Di De Nittis, oltre al già citato Dans le blè, si possono ammirare Kimono color arancio, testimonianza degli esotismi orientali di moda in quel periodo, Au jardin e Passeggiata con i cagnolini, saggio dell’abilità del pittore di cogliere con raffinatezza le sfumature cromatiche della luce naturale.

_MG_1539

Passeggiata con i cagnolini

03 - Giuseppe De Nittis

Kimono color arancio

Boldini, grande ritrattista di dame e signore dell’alta società, recentemente protagonista di un’altra esposizione presso GAM Manzoni), con le sue pennellate vibranti e dinamiche ritrae la contessa de Rasty ne La lettera mattutina; Testa bruna e Nudo di donna con le calze nere, insieme alle altre opere esposte, evidenziano l’evoluzione dello stile boldiniano, che negli ultimi anni tende quasi all’astrazione.

25645-Boldini_-_Lettera_mattutina_1884_circa

Lettera mattutina

07 – Giovanni Boldini

Testa bruna

Nelle opere esposte di Federico Zandomeneghi, tra gli artisti esposti quello che ebbe maggiori legami e contatti con l’Impressionismo francese, emerge l’influsso di artisti come Renoir e Cézanne; tra gli interessanti ritratti si notano gli eleganti Visita in camerino,Psyche e Entre amies.

18 - Zandomeneghi F. - Visita in camerino, olio su tela 53 x 34 cm

Visita in camerino

09 - Federico Zandomeneghi

Bambina con fiori

Completano l’esposizione alcune opere di Mancini, Tofano e Corcos, anch’essi attivi nella Parigi della Belle Époque.

La mostra è stata curata da Francesco Luigi Maspes e Enzo Savoia; per dettagli e informazioni www.gammanzoni.com

info@gammanzoni.com

Annunci

Informazioni su madamearquebuse

https://madamearquebuse.wordpress.com/about/
Questa voce è stata pubblicata in (di)vagando, Uncategorized e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a De Nittis, Boldini e Zandomeneghi nella Parigi della Belle Époque

  1. giusymar ha detto:

    Mi piacerebbe moltissimo andare a vedere questa mostra. Boldini é tra i miei artisti preferiti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...