Risorgimento senza eroi: “Noi credevamo” di Anna Banti

Renato Guttuso, La battaglia di Ponte dell’ammiraglio

Torino, 1883: vecchio, malato, solo in una città ostile e lontano dalla sua terra natia, incompreso dai familiari, don Domenico Lopresti si affida alla penna per raccontare le sue memorie, sentendosi ormai vicino alla fine. Domenico però non è un uomo comune, la sua tormentata esistenza è legata indissolubilmente alla grande storia d’Italia, di cui è stato testimone diretto: Poerio, Musolino, Pisacane, persino Garibaldi sono alcuni dei personaggi che ha incontrato. Antimonarchico, ex affiliato alle “sette”, di origine calabrese, sognava per le sue terre una condizione migliore, senza l’oppressione della tirannia borbonica: ma ben presto avrebbe visto i suoi incrollabili ideali, per  i quali viene costretto a lunghe permanenze in carcere, dove avrebbe perso gli anni migliori della sua vita, scontrarsi senza rimedio con la rassegnazione dei popolani e la falsa fede di molti suoi compagni.  Il narratore ricorda, oltre alla lunga prigionia, il rocambolesco dirottamento della nave che avrebbe dovuto consegnarlo allo stato Pontificio, la fuga verso l’amato sud e la partecipazione all’avventura dei Mille; poi ancora il noioso incarico burocratico affidatogli  in Calabria dal nuovo governo piemontese che diffida dei repubblicani e l’ennesima disperata fuga verso Mileto per ricongiungersi con l’esercito garibaldino, che verrà però fermato in Aspromonte. Il sogno di Lopresti si è definitivamente infranto; raggiunge Torino grazie all’aiuto di un’amica, conscio di non rivedere mai più i luoghi amati. In conclusione agli amari ricordi, a mo’ di catarsi, rievoca l’infanzia tante volte negata e rimossa, e come ebbe origine in lui, ultimogenito che non conobbe mai il padre carbonaro, l’amore per l’avventura e  per le sorti della patria.

Noi credevamo di Anna Banti, pubblicato nel 1967 e riportato alla ribalta dall’omonimo film del 2010 con Luigi Lo Cascio, non si direbbe scritto in quegli anni: lo stile ed il lessico sono quasi ottocenteschi, contemporanei alle vicende trattate. La narrazione viene condotta con un tono tutt’altro che celebrativo, ma con la rassegnazione dolorosa e cupa di un uomo (un Carlo Altoviti pessimista, un Edmond Dantès invendicato) che ha visto infrangersi tutti i suoi ideali e che si trova costretto a sopravvivere in una società vuota e fatua che sembra aver dimenticato il passato, il sacrificio di tanti giovani; una società in fondo non così diversa da quella contro cui aveva inutilmente lottato.

Pubblicato su InLibertà

Annunci

Informazioni su madamearquebuse

https://madamearquebuse.wordpress.com/about/
Questa voce è stata pubblicata in letture e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Risorgimento senza eroi: “Noi credevamo” di Anna Banti

  1. Giordano ha detto:

    Il Risorgimento fu per molti aspetti una tragica guerra civile, un sanguinoso scontro fra italiani (piemontesi, napoletani, lombardi e veneti nelle armate imperiali, forse solo quelle del Papa si distinguevano composte com’erano in gran parte da mercenari).
    Fu il compimento di un processo necessario che ormai tardava da secoli – già Dante aveva in mente l’esistenza di una nazione italiana seppur frantumata nel pulviscolo politico del suo tempo – in gran parte per colpa della Chiesa.
    Purtropo quel processo si realizzo nel peggior modo possibile con la semplice sostituzione di un regime autoritario ad altri analoghi e con un atteggiamento di natura coloniale dei piemontesi nei confronti dei nuovi sudditi – in specie ma non solo al Sud.

    • madamearquebuse ha detto:

      Purtroppo il malanimo (spesso giustificato) con cui l’arrivo dei piemontesi fu accolto nel sud è cosa nota, ed ho trovato interessante questo libro soprattutto per il punto di vista diverso, seppur mediato dal tempo (fu pubblicato praticamente un secolo dopo). Riguardo ai papalini e soci, chissà come sarebbero ora le cose se fosse durata quell’esperienza ideale che fu la Repubblica Romana…

  2. madamearquebuse ha detto:

    Ps: ho aggiunto il tuo blog ai link a lato…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...