I pipistrelli assassini di Bela Lugosi

The Devil Bat (1940) è uno dei numerosi film  horror costruiti su misura intorno al suggestivo physique du rôle di Bela Lugosi, personificazione dei peggiori  incubi cinematografici d’inizio novecento. Raggiunto l’apice della popolarità con il ruolo di Dracula, connotato perfettamente grazie alla sua figura elegante ed all’accento esotico mitteleuropeo (Lugosi era originario dell’attuale Romania, neanche a farlo apposta!), da quel momento non sarebbe più riuscito a svincolarsi dall’immaginario collettivo, ottenendo sempre parti lugubri e inquietanti, spesso di mediocre livello, finendo con il diventare la caricatura di sè stesso, fino a farsi persino seppellire avvolto nel mantello del personaggio che gli aveva cambiato l’esistenza in bene ed in male, Dracula.  In The Devil Bat (noto in Italia anche come La notte dei pipistrelli)  interpreta un apparentemente bonario medico di paese con la passione segreta degli esperimenti chimici particolari. Frustrato dal lavoro, si vendica creando pipistrelli giganti (e quale altro animale avrebbe potuto accompagnarsi all’ ex-Dracula?) con delle strane procedure elettriche; i maxi pipistrelli, attirati da una lozione dopo-barba creata appositamente dal folle chimico, attaccano e uccidono chiunque l’indossi. Gli abitanti della piccola cittadina sono sconvolti e non trovano spiegazioni al misterioso fenomeno, finché un giornalista impiccione non inizierà a sospettare dell’inncuo medico… Questi film horror vintage sono sempre estremamente piacevoli da vedere, soprattutto oggi, perché ci dimostrano come, anche senza effetti speciali autoriferiti, elemento essenziale del cinema sia la fantasia. Ovviamente non possiamo provare gli stessi brividi del pubblico di allora, ma la scena della creazione dei mostruosi pipistrelloni attraverso degli strani impulsi elettrici è imperdibile. Ci sarebbe inoltre da chiedersi come mai l’elettricità come mezzo per creare mostri sia una costante nella cinematografia horror dei primi tempi (Frankenstein), per poi essere sostituita in seguito con le più incontrollabili radiazioni nucleari.

Il pipistrello dopo la cura rinvigorente.

Annunci

Informazioni su madamearquebuse

https://madamearquebuse.wordpress.com/about/
Questa voce è stata pubblicata in la settima arte e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a I pipistrelli assassini di Bela Lugosi

  1. Giordano ha detto:

    La visita al museo del cinema ha lasciato segni indelebili.

  2. Giordano ha detto:

    Passando a commenti più seri. il ruolo dell’elettricità credo si spieghi con tutta una serie di studi tardo-settecenteschi sul rapporto fra elettricità il cui esempio più noto è Galvani. Il passo dalle rane agli esseri umani fu breve e vi furono effettivi tentativi di riportar in vita dei cadaveri con l’elettricità come quelli di Giovanni Aldini. Ricordiamoci che la cinematografia horror classica guarda sistematicamente come fonte di ispirazione al “romanzo gotico” pre- e romantico.
    Ovviamente con il passare del tempo l’elettricità ha perso molto del suo potere immaginifico sostituita dal nucleare la cui dimensione mostruoso si era rivelata al termine del secondo conflitto mondiale.

    • madamearquebuse ha detto:

      Certo, mi sono divertita come non mi capitava da un po’ con la sezione speciale dedicata all’horror! Riguardo a Galvani, l’avevo pensato anch’io, ma mi sembrava strano che all’alba del 1940 ci fosse ancora questo timore verso l’elettricità. Resto il fatto che questo film è divertentissimo, soprattutto per gli amanti dei pipistrelli…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...