Quante vite avrei voluto (uno spettacolo per Luigi Tenco) (dicembre 2007)

Ho assistito (al teatro Litta) a questo particolare spettacolo, inizialmente segnalatomi dal sito http://luigitenco60s.forumfree.net/.

Da tempo ascolto e apprezzo la produzione di Tenco, questo grande cantautore troppo spesso etichettato come depresso e deprimente, a mio giudizio invece profondo e estremamente innovativo, soprattutto dal punto di vista tematico, amato e apprezzato anche da Fabrizio De Andrè, che gli dedicò la struggente Preghiera in gennaio.

Lo spettacolo è stato molto interessante, soprattutto per l’accostamento tra parti cantate e  recitate, relative alla vicenda del protagonista, un uomo di mezza età che si ritrova a fare il conto con gli inevitabili bilanci e si ricollega alla vicenda del presunto suicidio di Tenco (lo spettacolo pone, legittimamente, dei dubbi , indagando sulle reali incongruenze poste dalla versione dei fatti) per analizzare e cercare una chiave di lettura alternativa.
La colonna sonora non si basa esclusivamente sui brani di Tenco, ma pesca anche tra canzoni contemporanee (come Dio è morto) e non , come la canzone di Enrico Ruggeri che da il titolo allo spettacolo.

Annunci

Informazioni su madamearquebuse

https://madamearquebuse.wordpress.com/about/
Questa voce è stata pubblicata in serate teatrali e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...